Passa ai contenuti principali

Ndiswrapper e schede wireless Broadcom

Questo articolo si propone in pochi passi di risolvere un problema che affligge molti utenti linux soprattutto quelli che utilizzano dei laptop con schede wireless. Il kernel 2.6 ha fatto passi da gigante in questo senso ma ancora alcuni chipset sono stati tagliati fuori, come nel mio caso con una scheda BELKIN Wireless 54G.
La Broadcom, casa che produce moltissimi chipset per queste schede non ha mai rilasciato dei driver per gli utenti linux, di fatto escludendo molti utenti dall'usare la propria scheda con il loro OS preferito. Speriamo che le cose cambino in futuro. Se vi interessa è possibile firmare una petizione a questo indirizzo PETIZIONE Broadcom BCM4301 Drivers for Linux.
Un gruppo di lavoro sta compiendo un grosso sforzo di reverse-engineering del driver a questo indirizzo linux-bcom4301 con l'intento di poter un giorno supportare nativamente questo chipset.
Personalmente mi sono trovato molto bene utilizzando Ndiswrapper che carica come modulo nel kernel le API e le NDIS (Network Driver Interface Specification) di win32. Si riesce così ad utilizzare i driver proprietari nativamente sul proprio kernel. Ma passiamo alla guida:

Preparazione dell'ambiente:
  • Controllare ed eventualmente installare il pacchetto ndiswrapper per la propria distro o meglio per il proprio kernel (in google o nei repository troverete tutto l'occorrente) perchè ricordo che ndiswrapper deve essere compilato per la vostra versione del kernel (è un modulo!).
  • Scaricare il driver che trovate in questa lista... qui
  • Estrarre il driver per esempio nella cartella /home/utente/driver
Installazione dei driver
  • Con i dovuti permessi (solitamente root o per gli ubuntiani sudo etc.) lanciate:
    ndiswrapper -i /home/utente/driver/bcmwl5.inf

    (-i è l'argomento per installare i driver)
  • Verificate che tutto sia stato caricato correttamente con un:
    ndiswrapper -l

    Dovrebbe comparirvi una cosa del genere:
    ndiswrapper -l
  • Installed ndis drivers: bcmwl5 driver present, hardware present
  • Bene ora potete caricare il vostro driver con un:
    modprobe ndiswrapper
  • Provate con un ping al router a vedere se tutto funziona, es ping -c 10 192.168.1.1. Se i pacchetti ritornano ottimo potete caricare il modulo con ndiswrapper -m
Cosiderazioni finali
Fate attenzione che non tutte le distribuzioni gestiscono la crittografia WEP e alcune distribuzioni richiedono altri piccoli dettagli, potete vedere per ogni evenienza il wiki del progetto a questo indirizzo

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Riflessioni sull'ordinamento

Gli algoritmi di ordinamento sono da sempre i più gettonati e interessanti dal punto di vista didattico (si veda la complessità computazionale) e funzionale (quasi tutti i programmi hanno almeno una funzione di ricerca). Proprio di questi giorni sono alcuni articoli di Programmazione.it dedicati a questo tema (link).Coding Horror in questo articolo presenta una provocazione molto interessante al di là delle opinioni personali:

The default sort functions in almost every programming language are poorly
suited for human consumption.
L'articolo pone l'attenzione sulla differenza tra l'ordinamento alfanumerico e quello ASCII solitamente usato nei metodi nativi dei linguaggi. Il discorso si ampia se poi pensiamo banalmente alla differenza tra Windows e GNU/Linux che è case sensitive.
Spesso i sistemi operativi e i linguaggi di programmazione realizzano ordinamenti rispettando l'ordine della tabella di codifica ASCII e non l'ordinamento naturale della lingua. I commenti a se…

Timeline dei Linguaggi di programmazione

O'Reilly ha reso disponibile per tutti gli appassionati un interessante poster in formato pdf in cui vengono riassunti 50 anni di storia dei linguaggi di programmazione.Il poster mostra una timeline colorata nella quale sono evidenziate le principali derivazioni tra i vari linguaggi... da vedere
http://www.oreilly.com/news/graphics/prog_lang_poster.pdf



fonte programmazione.it