Passa ai contenuti principali

Wicd: Wireless Interface Connection Daemon

EDIT:
28/06/2007: cambiati i link! Il progetto è ospitato da SourceForge.net

Wicd è un manager per le reti simile a quello presentato per per windows in questo post "Gestire facilmente più interfacce di rete". La possibilità di passare facilmente da una rete ad un'altra mi interessa particolarmente in questo periodo.
Appena installata la nuova Ubuntu 7.04 Feisty Fawn mi sono trovato a maneggiare un pò con l'editor e la riga di comando per far funzionare la mia wireless con il protocollo WPA-PSK. Fortunatamente la procedura è uguale a quella per la versione 6.10. (Ho trovato tutto quello che mi serviva qui)
Il nuovo strumento di gestione della rete di Ubuntu devo dire che non mi convince molto e così mi sono messo alla ricerca di qualcosa di più interessante e sono giunto a wicd.

Wicd ha diverse caratteristiche interessanti
  • E' compatibile con i comandi di network più comuni come ifconfig, iwlist
  • Gestisce le reti cablate attraverso profili e facilmente utilizza indirizzi statici o server DHCP. Inoltre può salvare diversi IP statici, così come gateway, subnet mask e DNS server per ogni rete
  • Per quanto riguarda le reti wireless gestisce facilmente e graficamente i driver e le impostazioni per le reti criptate. In questo momento supporta WPA 1/2, WEP, LEAP, TTLS, EAP, PEAP
per farsi un'idea sono disponibili degli screenshot qui. Ma passiamo ora all'installazione

Installazione di wicd in Feisty Fawn
1) Il pacchetto che andremo ad installare è reperibile qui. Wicd va in conflitto con il manager di default della distribuzione. Bisogna quindi disinstallare prima alcuni pacchetti. Scaricate il pacchetto e procedete

2) Andate in System -> Amministrazione -> Gestore pacchetti Synaptic e selezionate "mark to remove" i pacchetti "network-manager" e "network-manager-gnome". (Nelle versioni precedenti di Ubuntu questo comportava un work-around che è possibile trovare nelle faq del sito di wicd [non è più disponibile il link. Grazie Dave della segnalazione])

3) Una volta disinstallati i pacchetti in conflitto basterà da riga di comando lanciare un
sudo gdebi wicd_-all.deb
4) Ora per avere l'icona sul system tray bisogna agire sulle impostazioni di sessione di Ubuntu. Andate in System -> Preferenze -> Sessioni. Si aprirà una finestra di gestione. Sul tab Startup Programmi aggiungete con il pulsante New un nuovo comando con nome "wicd" e comando "/opt/wicd/tray-edgy.py".

Bene adesso al prossimo avvio avrete questa nuova utility a vostra disposizione.

Link sito ufficiale: http://compwiz18.blackhole.cx/wicd/wb http://wicd.sourceforge.net/

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Riflessioni sull'ordinamento

Gli algoritmi di ordinamento sono da sempre i più gettonati e interessanti dal punto di vista didattico (si veda la complessità computazionale) e funzionale (quasi tutti i programmi hanno almeno una funzione di ricerca). Proprio di questi giorni sono alcuni articoli di Programmazione.it dedicati a questo tema (link).Coding Horror in questo articolo presenta una provocazione molto interessante al di là delle opinioni personali:

The default sort functions in almost every programming language are poorly
suited for human consumption.
L'articolo pone l'attenzione sulla differenza tra l'ordinamento alfanumerico e quello ASCII solitamente usato nei metodi nativi dei linguaggi. Il discorso si ampia se poi pensiamo banalmente alla differenza tra Windows e GNU/Linux che è case sensitive.
Spesso i sistemi operativi e i linguaggi di programmazione realizzano ordinamenti rispettando l'ordine della tabella di codifica ASCII e non l'ordinamento naturale della lingua. I commenti a se…

Timeline dei Linguaggi di programmazione

O'Reilly ha reso disponibile per tutti gli appassionati un interessante poster in formato pdf in cui vengono riassunti 50 anni di storia dei linguaggi di programmazione.Il poster mostra una timeline colorata nella quale sono evidenziate le principali derivazioni tra i vari linguaggi... da vedere
http://www.oreilly.com/news/graphics/prog_lang_poster.pdf



fonte programmazione.it