Passa ai contenuti principali

Disabilitare il touchpad (Ubuntu Feisty 7.04)

Scrivendo un testo con la mia GNU/linux box mi ritrovo spesso ad imprecare contro il touchpad del notebook. Copia e incolla e digitazioni gratuite sono all'ordine del giorno. Oggi ho risolto il problema e ve lo appunto in questo post.
La piattaforma usata è Ubuntu Feisty 7.04 ma può essere adattata a molte altre distribuzioni.

1. Modificare il file di configurazione del server X
Per prima cosa bisogna dire al server di caricare il driver giusto per il mouse. Fate una copia del file /etc/X11/xorg.conf. Ubuntu nel mio caso non carica synaptic come device e al suo posto mette un mouse generico e wacom che devo ancora capire a cosa serva. Nel mio file xorg.conf ho dovuto prima commentare la parte relativa al mouse e poi aggiungere quella per synaptic come qui sotto.
#Section "InputDevice"
# Identifier "Configured Mouse"
# Driver "mouse"
# Option "CorePointer"
# Option "Device" "/dev/input/mice"
# Option "Protocol" "ImPS/2"
# Option "ZAxisMapping" "4 5"
# Option "Emulate3Buttons" "true"
#EndSection

Section "InputDevice"
Identifier "Synaptics Touchpad"
Driver "synaptics"
Option "SendCoreEvents" "true"
Option "Device" "/dev/psaux"
Option "Protocol" "auto-dev"
Option "HorizScrollDelta" "0"
Option "SHMConfig" "true"
EndSection

NB: Controllate in ogni caso che ci sia Option "SHMConfig" "true", serve per fare modifiche al volo senza riavviare il server grafico.

2. Scrivere uno script ad-hoc
Per abilitare e disabilitare utilizzeremo uno script scritto appositamente per il nostro scopo. Il comando che andiamo a sfruttare è synclient (per maggiori informazioni leggetevi le pagine man). Lo script l'ho chiamato touchpad.sh e l'ho salvato nella mia home (/home/beppe). Il codice non fa altro che fare uno switch del valore della variabile TouchpadOff:
#!/bin/bash
# touchpad.sh

STATE=`synclient -l | grep TouchpadOff | awk '{ print $3 }'`
if [ $STATE = "0" ]
then STATE=1
else STATE=0
fi
synclient TouchpadOff=$STATE
Una volta salvato touchpad.sh bisogna renderlo eseguibile con il comando da terminale:
chmod a+x touchpad.sh

3. Assegnare una combinazione di tasti per l'avvio dello script
Bene ora non ci resta che aggiungere uno shortcut allo script in modo da abilitare/disabilitare automaticamente il touchpad.
Gnome non ha ancora un utility nativa per questo scopo. Dobbiamo quindi procedere con un paio di passi. Per prima cosa dobbiamo lanciare il gconf-editor. Premete ALT+F2 per aprire una finestra in stile esegui di Windows e digitate gconf-editor.
Ora dovete cercare la chiave apps -> metacity -> keybinding_commands. Comparirà una lista di comandi, bene scegliete pure il primo che non dovrebbe avere nessun valore associato. Doppio click su command_1 e inserite il percorso completo (nel mio caso /home/beppe/touchpad.sh) dello script creato nel punto 2.
Adesso dobbiamo associare a questo comando personalizzato una combinazione di tasti, io ho scelto di usare ALT+t ma potete gestire voi la cosa. Andate in apps -> metacity -> global_keybindings, selezionate run_command_1 e inserite la vostra combinazione: tIl gioco è fatto. Riavviate il server X con il solito ctrl+alt+backspace e godetevi questa nuova funzionalità

Note: Installazione Gsynaptic
Esiste un programma per l'ambiente GNOME per gestire il touchpad e la sua configurazione: gsynaptic. Per installarlo dovrete prima controllare che il vostro file xor.conf sia come quello descritto al punto 1 se ci dovessero essere errori del tipo:
GSynaptics couldn't initialize.
You have to set 'SHMConfig' 'true' in xorg.conf or XF86Config to use GSynaptics

poi come al solito basterà un sudo apt-get install gsynaptic da terminale. Questo programma comunque non implementa ancora quello che abbiamo fatto in questa guida

Link: Disabilitare temporaneamente il touchpad
Disable Synaptics Touchpad
Assign Custom Shortcut Keys on Ubuntu Linux

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Riflessioni sull'ordinamento

Gli algoritmi di ordinamento sono da sempre i più gettonati e interessanti dal punto di vista didattico (si veda la complessità computazionale) e funzionale (quasi tutti i programmi hanno almeno una funzione di ricerca). Proprio di questi giorni sono alcuni articoli di Programmazione.it dedicati a questo tema (link).Coding Horror in questo articolo presenta una provocazione molto interessante al di là delle opinioni personali:

The default sort functions in almost every programming language are poorly
suited for human consumption.
L'articolo pone l'attenzione sulla differenza tra l'ordinamento alfanumerico e quello ASCII solitamente usato nei metodi nativi dei linguaggi. Il discorso si ampia se poi pensiamo banalmente alla differenza tra Windows e GNU/Linux che è case sensitive.
Spesso i sistemi operativi e i linguaggi di programmazione realizzano ordinamenti rispettando l'ordine della tabella di codifica ASCII e non l'ordinamento naturale della lingua. I commenti a se…

Timeline dei Linguaggi di programmazione

O'Reilly ha reso disponibile per tutti gli appassionati un interessante poster in formato pdf in cui vengono riassunti 50 anni di storia dei linguaggi di programmazione.Il poster mostra una timeline colorata nella quale sono evidenziate le principali derivazioni tra i vari linguaggi... da vedere
http://www.oreilly.com/news/graphics/prog_lang_poster.pdf



fonte programmazione.it