Passa ai contenuti principali

Disabilitare il touchpad (Ubuntu Feisty 7.04)

Scrivendo un testo con la mia GNU/linux box mi ritrovo spesso ad imprecare contro il touchpad del notebook. Copia e incolla e digitazioni gratuite sono all'ordine del giorno. Oggi ho risolto il problema e ve lo appunto in questo post.
La piattaforma usata è Ubuntu Feisty 7.04 ma può essere adattata a molte altre distribuzioni.

1. Modificare il file di configurazione del server X
Per prima cosa bisogna dire al server di caricare il driver giusto per il mouse. Fate una copia del file /etc/X11/xorg.conf. Ubuntu nel mio caso non carica synaptic come device e al suo posto mette un mouse generico e wacom che devo ancora capire a cosa serva. Nel mio file xorg.conf ho dovuto prima commentare la parte relativa al mouse e poi aggiungere quella per synaptic come qui sotto.
#Section "InputDevice"
# Identifier "Configured Mouse"
# Driver "mouse"
# Option "CorePointer"
# Option "Device" "/dev/input/mice"
# Option "Protocol" "ImPS/2"
# Option "ZAxisMapping" "4 5"
# Option "Emulate3Buttons" "true"
#EndSection

Section "InputDevice"
Identifier "Synaptics Touchpad"
Driver "synaptics"
Option "SendCoreEvents" "true"
Option "Device" "/dev/psaux"
Option "Protocol" "auto-dev"
Option "HorizScrollDelta" "0"
Option "SHMConfig" "true"
EndSection

NB: Controllate in ogni caso che ci sia Option "SHMConfig" "true", serve per fare modifiche al volo senza riavviare il server grafico.

2. Scrivere uno script ad-hoc
Per abilitare e disabilitare utilizzeremo uno script scritto appositamente per il nostro scopo. Il comando che andiamo a sfruttare è synclient (per maggiori informazioni leggetevi le pagine man). Lo script l'ho chiamato touchpad.sh e l'ho salvato nella mia home (/home/beppe). Il codice non fa altro che fare uno switch del valore della variabile TouchpadOff:
#!/bin/bash
# touchpad.sh

STATE=`synclient -l | grep TouchpadOff | awk '{ print $3 }'`
if [ $STATE = "0" ]
then STATE=1
else STATE=0
fi
synclient TouchpadOff=$STATE
Una volta salvato touchpad.sh bisogna renderlo eseguibile con il comando da terminale:
chmod a+x touchpad.sh

3. Assegnare una combinazione di tasti per l'avvio dello script
Bene ora non ci resta che aggiungere uno shortcut allo script in modo da abilitare/disabilitare automaticamente il touchpad.
Gnome non ha ancora un utility nativa per questo scopo. Dobbiamo quindi procedere con un paio di passi. Per prima cosa dobbiamo lanciare il gconf-editor. Premete ALT+F2 per aprire una finestra in stile esegui di Windows e digitate gconf-editor.
Ora dovete cercare la chiave apps -> metacity -> keybinding_commands. Comparirà una lista di comandi, bene scegliete pure il primo che non dovrebbe avere nessun valore associato. Doppio click su command_1 e inserite il percorso completo (nel mio caso /home/beppe/touchpad.sh) dello script creato nel punto 2.
Adesso dobbiamo associare a questo comando personalizzato una combinazione di tasti, io ho scelto di usare ALT+t ma potete gestire voi la cosa. Andate in apps -> metacity -> global_keybindings, selezionate run_command_1 e inserite la vostra combinazione: tIl gioco è fatto. Riavviate il server X con il solito ctrl+alt+backspace e godetevi questa nuova funzionalità

Note: Installazione Gsynaptic
Esiste un programma per l'ambiente GNOME per gestire il touchpad e la sua configurazione: gsynaptic. Per installarlo dovrete prima controllare che il vostro file xor.conf sia come quello descritto al punto 1 se ci dovessero essere errori del tipo:
GSynaptics couldn't initialize.
You have to set 'SHMConfig' 'true' in xorg.conf or XF86Config to use GSynaptics

poi come al solito basterà un sudo apt-get install gsynaptic da terminale. Questo programma comunque non implementa ancora quello che abbiamo fatto in questa guida

Link: Disabilitare temporaneamente il touchpad
Disable Synaptics Touchpad
Assign Custom Shortcut Keys on Ubuntu Linux

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Dove si trova il mio ISP?

Il link di oggi è My IP Address Lookup. Questo servizio spagnolo mostra dove si trova fisicamente il vostro ISP. Quando vi collegate ad internet in realtà prima fate una richiesta (il vostro modem o router) ad una macchina del vostro ISP e poi vi viene assegnato un indirizzo IP. Se volete sapere dove si trova la macchina che vi permette di accedere alla rete visitate pure
http://www.ip-adress.com/

Potrete inoltre conoscere il vostro IP e il provider che ve lo offre

RaspberryPi: Controllare il desktop da remoto con VNC

Premessa
A volte può essere utile avere l'accesso da remoto ad un desktop grafico sul nostro raspberrypi. Il metodo più diffuso è quello di installare un server VNC e collegarsi poi con un client da un altro computer. Per il raspberrypi possiamo scegliere tra due strade a seconda dell'utilizzo che se ne vuole fare:

Installare TightVNC Server: crea una sessione diversa per ogni connessione non cifrataInstallare x11vnc: permette di comandare il desktop dell'utente corrente sul raspberrypi
Tra i due metodi ho preferito il secondo visto che il mio raspi è collegato direttamente ad un televisore CRT. In questo modo posso navigare in internet su schermo grande direttamente dal tablet comodamente seduto sul divano. Unica nota negativa è che questo meccanismo non funziona per pilotare XBMC, per il quale è meglio utilizzare il client per android per esempio.

Installare TightVNC Server
1. Da linea di comando eseguire
sudo apt-get install tightvncserver
2. Avviare il server con il coman…