Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2007

Esploriamo i pacchetti dei sistemi APT

Tre comandi semplici semplici e veloci per capire un pò meglio il contenuto e le dipendenze dei pacchetti del nostro sistema operativo. I programmi in GNU/linux sono liberi, come tutti ben sapete, e questo ha permesso di scriverne via via di più complessi e articolati condividendo librerie e moduli comuni con tutta la comunità, le librerie GTK e QT sono forse le più conosciute per le interfacce grafiche. Durante l'installazione di nuovo software spesso sono necessari altri pacchetti e le distribuzioni basate su .rpm e .deb risolvono la cosa controllando queste dipendenze per voi. Se desiderate una distribuzione più modulare e personalizzabile dovrete invece affacciarvi al mondo Slackware.
Ma tornando a noi, vediamo come ricavare delle informazioni utili dai nostri pacchetti con il comando APT (Advanced Package Tool) da linea di comando.
Come posso conoscere quali sono i pacchetti installati nel mio sistema?
dpkg -l | more

Quali sono i file contenuti in un pacchetto .deb?

Fake Internet Explorer 8 alpha screenshot

Su digg è apparso un link a dei fantomatici screenshot di un nuovo browser della Microsoft: Internet Explorer 8. Non cascateci, in più si sono accorti del fake, fatto male oltretutto. Come si vede il lavoro è incompleto e nel fondo dell'immagine rimangono ancora gli elementi della status bar di Word. Vi allego qui sotto una delle immagini incriminate.



[OT] lo so che non è un gran che come post, ma non sapevo veramente cosa scrivere oggi. :-)

Che distribuzione sto usando?

Se la vostra distribuzione ha installato il comando lsb_release potete conoscere secondo gli standard della LSB (Linux Standard Base) il nome della vostra distribuzione e della release presente sul calcolatore che state utilizzando. Il comando è semplice:
$ lsb_release -a
questo è quello che mi viene restituito sul mio portatile
per conoscere poi la versione del kernel Linux utilizzato basterà usare il comando
uname -r

Preload: demone per migliorare le prestazioni

Ultimamente sto raccogliendo in questo mio modesto blog numerosi trucchi per GNU/Linux il che mi fa apprezzare sempre di più questo sistema operativo. Oggi girovagando per LifeHacker mi sono imbattuto su questo post che presentava una piccola utility per migliorare le prestazioni di avvio delle applicazioni più usate. Questa funzionalità è già presente nei sistemi Microsoft che caricano alcune dll già al passaggio del mouse sulle icone mentre per GNU/Linux esiste il comando prelink.
Preload, il programma presentato nell'articolo, a differenza di prelink dovrebbe essere più stabile, gira sotto forma di demone e mantiene traccia delle applicazioni più usate caricandone parte in memoria.
per installarlo su sistemi Ubuntu come al solito basta un semplice: sudo apt-get install preload link progetto preload: http://sourceforge.net/projects/preload

Oregon Scientific DS3868 + Linux

edit: 13/07/2007 17:54 webcam testata positivamente su amsnOggi ho rispolverato un vecchio oggetto abbandonato in un angolo della mia stanza: una webcam della Oregon Scientific, la DS3868. Anni fa avevo provato a farla funzionare su una Red Hat 6 ma senza alcun risultato. Non era disponibile ancora un modulo per Linux e non compariva nel progetto video4linux ormai integrato nel kernel. Con mio stupore ho provato a collegare questo cimelio sulla mia linux box e per essere più sfacciato direttamente sul portatile e tutto è filato liscio come l'olio. Anzi penso sia stato HAL, ma mi è comparsa una incoraggiante finestra che mi chiedeva di scaricare le foto dalla webcam... mitico!
Per i più precisini, il dispositivo è supportato dal kernel 2.6 (ormai uno standard visto che anche il buon Pat l'ha inserito come di default nella sua Slackware 12.0) e lo si trova tra i moduli di v4l USB STV680 (Pencam) del kernel. Come prima cosa mi sono installato un programma per la cattura video, tra…

Le migliori performance di Fabrizio Casalino

Dopo il successo de "I migliori film di Maccio Capatonda" vi presento in questo post un altro genio della comicità, forse un pò sconosciuto ai più: Fabrizio Casalino. Durante le ultime serie di Colorado Cafè ha sfornato dei capolavori che vi presento qui:
Al sesto posto, l'estate impazza e Fabrizio ci delizia con questa interpretazione


Al quinto posto una situazione sempre attuale, il parcheggio



Al quarto posto si posiziona un cartone animato disegnato da Elzie Crisler Segar: Popeye (braccio di ferro)



Sulla posizione più bassa del podio troviamo un oggetto molto gettonato dagli italici del bel paese, il telefonino



Al secondo posto una bambina che ricordiamo tutti con nostalgia: Heidi


Infine, al primo posto incontrastato un intramontabile della letteratura italiana per bambini: Pinocchio... che dire grazie Fabrizio Casalino

BOT - Let's get acquainted My name is Tomas!

Vi segnalo un bel bot che potrebbe iscriversi nel vostro forum...

Let's Get Acquainted My Name Is Tomas!

si chiama Tomas ed è statunitense. Il suo username è Loghikeels e si occupa di macchine. Per cercare di ingannare gli amministratori fornisce anche un contatto (falso) di ICQ.

controllate con google


Non sanno più cosa inventarsi!

Laurea...

Ieri è stata una giornata veramente particolare per me: mi sono laureato in Ingegneria Informatica Vecchio Ordinamento a Padova con una tesi di "Progettazione e realizzazione di un sistema di business continuity per un laboratorio di reti di calcolatori". Devo proprio dire che tutto è filato nei migliori dei modi, è uscito il sole, mi hanno dato una votazione superiore alle aspettative e soprattutto ho passato una magnifica giornata con i miei amici e i miei parenti al suono di:

Dottore, dottore
dottore del buso del cul,
vaffancul, vaffancul

Come nella migliore tradizione padovana. Voglio condividere con tutti questa gioia... anche con voi e vi aggiungo una foto scattata poco dopo la mia dipartita dall'aula di medicina del palazzo storico del Bò.


Dimenticavo, durante la proclamazione mi è sembrato di vedere qualcuno di familiare

Most - coloriamo le man pages

Il post prende spunto da "Less - coloriamo le man pages" di imu nell'ottimo OS Revolution. Nei commenti si legge di come si possa, come alternativa alla soluzione proposta, usare most. Most di default colora le man pages (la guida in linea di bash che si visualizza con man < comando >) e non richiede quindi alcuna modifica del file .bashrc nella nostra home.
Se usate una distribuzione che usa i deb e non risulta installato date il solito
(sistemi Debian)# apt-get install most
(per Ubuntu) $sudo apt-get install most
Una volta installato bisogna scegliere il programma pager per il nostro terminale, lanciate
$ sudo update-alternatives --config pager
dovrebbe comparirvi una cosa del genere... scegliete most e il gioco è fatto.

Copiare i messaggi di sistema negli appunti

Sembra che si possa copiare con la classica combinazione di tasti CTRL+C anche i messaggi di sistema dei programmi che vengono eseguiti in windows. Non solo i messaggi di errore ma anche tutti i vari alert del tipo, "sicuro di voler uscire?", "Salvare prima di uscire?". Secondo ChuckOp's eXPeriences questa è una caratteristica introdotta dal 1998 per questioni di accessibilità ma può essere molto più utile per descrivere i messaggi di errore in caso di richiesta di assistenza

Blogger Backup strumento utile per bloggers

Nel portale Codeplex di Microsoft è disponibile una utility open source (non GPL, si noti bene!) veramente interessante per i blogger che scrivono sulla piattaforma di Google: Blogger Backup. L'applicazione richiede il framework .NET, si appoggia alle API fornite da Google (Blogger's API), è solo per Windows e permette di fare una copia di backup dei post pubblicati.
Nello screenshot sottostante notate come sia possibile scegliere [1] quale blog gestire tra quelli registrati in blogger. Il programma poi creerà una directory con il nome del blog e all'interno vi salverà i post. Il salvataggio può essere fatto su un singolo file xml oppure un file per ogni post come in [2] (ve lo consiglio). Utile, facile e veloce!
via: Google Operating System

Nuova 500 la nuova FIAT

Lo so che non c'entra molto, ma oggi mi sono visto la presentazione in streaming della conferenza stampa della nuova 500 e devo dire che mi è piaciuta molto. Una presentazione in stile Apple o Microsoft... la nuova 500 è un pò l'iPhone de noialtri!
La storia italiana senza dubbio ha come simbolo del boom economico questo piccolo modello. Mia zia ne possiede una della prima serie e mia mamma che gira dal 1993 con una cinquecento azzurra ne vorrebbe comprare una nuova. Visti questi presupposti ho voluto vedermi la presentazione anche perchè ieri non potevo essere nelle 30 città del lancio.
L'idea di Fiat è proprio quella di ritornare ad essere attore importante per l'economia del bel paese (anche se la 500 sarà costruita in Polonia) e senza dubbio non si può negare che Marchionne, in tre anni, ha dato una nuova impronta aziendale. Le azioni comprate nel 1998 hanno visto un guadagno, dopo 10 anni di magra, solo dall'anno scorso, almeno questa è stata la mia esperienza p…

G.Bilardi prolusione di inaugurazione

Finalmente ho avuto un pò di tempo per leggermi con calma il discorso del Prof. Gianfranco Bilardi che quest'anno è stato chiamato ad inaugurare l'anno accademico 2007-2008, il 785-esimo per l'Università degli Studi di Padova. Vorrei fornirvi un link ufficiale ma sembra essere scomparso dal sito del dipartimento... fortunatamente mi ero salvato il pdf per potermelo leggere in tranquillità.
Il Prof. Bilardi mi ha introdotto al calcolo parallelo durante il corso di Calcolatori Elettronici II e devo dire che mi ha sempre affascinato quel suo distacco dalla realtà, tipico dei professori che si dedicano a materie così astratte. Strano, perchè poi i risultati ottenuti vengono usati nelle tecnologie di uso giornaliero.
Il discorso è molto piacevole e degno di nota, spazia nel tempo e negli argomenti e lo potete scaricare qui

SimDock dock bar senza Compiz

SimDock 1.1
Su freedream ho letto di una nuova dock bar: SimDock per linux che non necessita di Compiz avviato come avviene per la più famosa awn (avant windows navigator). La dock è scritta in c++ e utilizza le librerie wxWidgets. L'applicazione è veloce e fluida; il progetto è veramente giovane, ma a quanto pare ha ampi margini di miglioramento. Lo sviluppatore è italiano, qui potete trovare una sua intervista "How to Configure Simdock [Intervista allo sviluppatore]" mentre qui sotto vi posto uno screenshot. Le opzioni sono minimali e per adesso è necessaria una configurazione manuale... ma aspettiamo con ansia le prossime versioni. :-)

Come si installa?
Per chi è navigato è consigliata la compilazione a mano mentre per chi possiede un sistema Debian-like (come Ubuntu) è disponibile un pacchetto .deb qui. Scaricate il file .deb e installatelo con gdebi da terminale:
sudo gdebi simdock_1.1-1_i386.deb

Per chi voglia compilarselo leggere dal .tar il file readme.

Personalizz…

Slackware 12.0 un ritorno con i fiocchi

EDIT: aggiunti i link per la iso DVD su ftp e torrent

Il mio primo amore per GNU/Linux è sempre stato Slackware anche se ultimamente sto iniziando ad apprezzare i sistemi Debian e Ubuntu. A quanto pare dopo una rapida uscita di due Release Candidate Patrick J. Volkerding ha deciso di sfornare la sua nuova creatura.
Già dalla RC1 la comunità è stata sbalordita da alcune scelte di Pat impensabili fino a poco tempo fa ma sembra proprio che Slackware si sia svecchiata e non di poco. Salta subito all'occhio l'abbandono all'uso di default del kernel 2.4 risolvendo così il classico giochino d'installazione per caricare il kernel huge.26 e i moduli a parte. Leggendo nel changelog si nota subito questo nuovo spirito della distribuzione
This first Slackware edition of the year combines Slackware's legendary
simplicity (and close tracking of original sources), stability, and
security with some of the latest advances in Linux technology. Expect no
less than the best Slackware ye…

Google in nero... che eleganza

Neroogle, Jabago e Blackle
Oggi su alcuni blog è stata data la notizia di un nuovo progetto che veste Google "in nero", non per questioni estetiche ma per una giusta causa: il risparmio energetico. Questo nuovo progetto si chiama Neroogle. Alla vista della pagina sono andato subito a spulciare tra i miei link e ho scoperto che assomiglia veramente molto ad altri due progetti Jabago e Blackle. Penso siano affiliati a diversi publisher di Ad-sense e quindi i ricavi delle ricerche andranno a persone diverse. La butto lì... perchè non sfruttare il ricavato per progetti energetici se sta a cuore di questi progetti il risparmio?
Non sono riuscito a trovare molto in proposito ma vi allego degli screenshot qui sotto per farvi un'idea della somiglianza.





Perchè pagine web in nero?
Come spiegato in questo link, le pagine in nero determinano un consumo inferiore di energia, soprattutto per quanto riguarda i tubi catodici: ci vogliono 74 watt contro i 59 necessari per una pagina nera. Ne…

Pulire sistemi con apt: Debian, Ubuntu e derivati

Questi comandi si trovano un pò in tutti i blog ma sono stanco di fare ogni volta una ricerca. Un bel man apt-get risolve spesso la vita, ecco i risultati:

Per cancellare la cache dei programmi obsoleti
apt-get autoclean
questo comando va a cancellare da /var/cache/apt/archives/ i pacchetti e libera spazio sul disco. A differenza di clean non cancella tutti i file ma solamente quelli che ormai sono inutili e non possono essere di nuovo scaricati perchè obsoleti. Per cancellare tutta la cache, che vi consiglio solo in caso di necessità estrema di spazio, usate apt-get clean
Per cancellare le dipendenze non più necessarie
apt-get autoremove
I pacchetti spesso ne richiedono degli altri e in fase di disinstallazione delle dipendenze potrebbero rimanere orfane e occupare spazio inutile. L'opzione autoremove fa proprio questo: cancellare le dipendenze non più necessarie. Date sempre prima un'occhiata al risultato di questa operazione prima di confermarla... non si sa mai!

I migliori film di Maccio Capatonda

Inauguro una nuova categoria del blog con questa raccolta dei sei migliori film del genio di Maccio Capatonda... non aggiungo altro, prendete i pop corn e godetevi lo spettacolo!

Al sesto posto un poliziesco che vi lascerà con il fiato sospeso
Mani in alto


Quinto posto a parimerito per questi due grandi film di vita non vissuta
acqua corrente e urgenze

Quarto posto per il film di Aldo Vais più terrificante di setten e più raccapricciante del trinciamosche: Pazienza

Al terzo posto, tratto dall'omologo romanzo di Phil Norimberga, il primo capitolo della spaventosa saga: La Febbra


Al secondo posto il secondo capitolo:
La Febbra 2


Come poteva non essere al primo posto un film inchiesta vincitore della Parma d'Argento al festival di San Daniele:
Fernet 9° 11°