Passa ai contenuti principali

Google in nero... che eleganza

Neroogle, Jabago e Blackle
Oggi su alcuni blog è stata data la notizia di un nuovo progetto che veste Google "in nero", non per questioni estetiche ma per una giusta causa: il risparmio energetico. Questo nuovo progetto si chiama Neroogle. Alla vista della pagina sono andato subito a spulciare tra i miei link e ho scoperto che assomiglia veramente molto ad altri due progetti Jabago e Blackle. Penso siano affiliati a diversi publisher di Ad-sense e quindi i ricavi delle ricerche andranno a persone diverse. La butto lì... perchè non sfruttare il ricavato per progetti energetici se sta a cuore di questi progetti il risparmio?
Non sono riuscito a trovare molto in proposito ma vi allego degli screenshot qui sotto per farvi un'idea della somiglianza.





Perchè pagine web in nero?
Come spiegato in questo link, le pagine in nero determinano un consumo inferiore di energia, soprattutto per quanto riguarda i tubi catodici: ci vogliono 74 watt contro i 59 necessari per una pagina nera. Nel mondo il 25% dei monitor utilizza ancora monitor di questo tipo. Questo si traduce nel caso di Google in un risparmio energetico di circa 750 MWh l'anno. Non è tantissimo è vero, però è un esempio lampante di come piccoli gesti possano aiutare a utilizzare al meglio le risorse senza sprechi...
Stesso discorso vale per qualunque sito. In generale il bianco è il colore più dispendioso e non necessariamente tutte le pagine dovrebbero essere nere; basterebbe usare colori a basso consumo come descritto qui.
Vi starete chiedendo perché questo blog è in bianco?!? Diciamo che ci sto lavorando.

Link interessanti:
http://ecoiron.blogspot.com/2007/01/emergy-c-low-wattage-palette.html
http://www.treehugger.com/files/2007/02/black_google_wo.php
http://ecoiron.blogspot.com/2007/01/black-google-would-save-3000-megawatts.html

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Dove si trova il mio ISP?

Il link di oggi è My IP Address Lookup. Questo servizio spagnolo mostra dove si trova fisicamente il vostro ISP. Quando vi collegate ad internet in realtà prima fate una richiesta (il vostro modem o router) ad una macchina del vostro ISP e poi vi viene assegnato un indirizzo IP. Se volete sapere dove si trova la macchina che vi permette di accedere alla rete visitate pure
http://www.ip-adress.com/

Potrete inoltre conoscere il vostro IP e il provider che ve lo offre

RaspberryPi: Abilitare l'audio analogico

Introduzione
Il mio raspi è collegato ad una vecchia TV CRT che ho convertito in una smartTV. RaspberryPi infatti è un ottimo prodotto per configurare un media center con connessione ad internet ed altre amenità. Se usate una vecchia TV come nel mio cavo potrebbe interessarvi come abilitare l'uscita analogica per l'audio, il jack da 3,5 mm per intenderci. Per fare ciò dobbiamo assicurarci di avere i moduli giusti del kernel caricati e configurare il raspi ad utilizzare la giusta uscita audio, infatti di default utilizza la porta HDMI.

Controllo della presenza del modulo snd_bcm2835
1 Per controllare che il modulo giusto sia presente da linea di comando eseguire

sudo lsmod | grep snd_bcm2835

2 Se non vedete alcun output vuol dire che il modulo non è ancora caricato altrimenti potete passare al prossimo paragrafo.
3 Proviamo a caricare  il modulo con il seguente comando da terminale

sudo modprobe snd_bcm2835

Se l'output del comando è una cosa del genere

FATAL: Module snd_bcm2835…