Passa ai contenuti principali

Geeqie nasce dalle ceneri di GQview

Uno dei miei image viewer preferiti, in ambiente Microsoft è sempre stato ACDsee 2.4, versione leggera, performante e con tutto il necessario per rinominare, ruotare e visualizzare le immagini. Passato a Slackware 9.0 nel 2003 sono stato piacevolmente sorpreso nell'installare GQview, un ottimo clone dalle caratteristiche del tutto simili se non superiori ad ACDsee, tanto che ne era stato fatto anche un porting per Windows.
GQview è stato scritto da John Ellis a partire dal lontano Ottobre del 1998 ed ha raggiunto una stabile maturità, tanto che da circa due anni sembra che l'autore non ne stia più seguendo lo sviluppo. Dalle ceneri di questo progetto nasce un fork: Geeqie. I due autori Petr Ostadal e Vladimir Nadvornik vogliono portare avanti lo sviluppo introducendo nuove funzionalità in grado di sfruttare le nuove potenzialità delle attuali macchine fotografiche e aggiungendo al programma l'ormai consueta prassi di estensione a plugin.
Cito da sourceforge:
Geeqie is a lightweight image viewer. It was forked from GQview. The development is focused on features for photo collection maintenance: raw format, Exif/IPTC/XMP metadata and integration with programs like UFraw, ImageMagick, Gimp, gPhoto or ExifTool.
Dai repository di Ubuntu Intrepid Ibex è possibile installarlo.
Nel momento in cui scrivo, geeqie è rilasciato in versione alpha test. Il progetto è molto interessante e per la versione 1.0alpha2 non dovrebbero (il condizionale è d'obbligo) esserci grossi bug visto che i due sviluppatori si sono prefissati di rilasciare una release praticamente intatta dell'antenato GQview. Intanto rimango in ascolto di nuove news a riguardo e provo ad utilizzare questa versione di test.

Links:
GQview homepage
GQview version history
porting GQview per Windows

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Dove si trova il mio ISP?

Il link di oggi è My IP Address Lookup. Questo servizio spagnolo mostra dove si trova fisicamente il vostro ISP. Quando vi collegate ad internet in realtà prima fate una richiesta (il vostro modem o router) ad una macchina del vostro ISP e poi vi viene assegnato un indirizzo IP. Se volete sapere dove si trova la macchina che vi permette di accedere alla rete visitate pure
http://www.ip-adress.com/

Potrete inoltre conoscere il vostro IP e il provider che ve lo offre

RaspberryPi: Abilitare l'audio analogico

Introduzione
Il mio raspi è collegato ad una vecchia TV CRT che ho convertito in una smartTV. RaspberryPi infatti è un ottimo prodotto per configurare un media center con connessione ad internet ed altre amenità. Se usate una vecchia TV come nel mio cavo potrebbe interessarvi come abilitare l'uscita analogica per l'audio, il jack da 3,5 mm per intenderci. Per fare ciò dobbiamo assicurarci di avere i moduli giusti del kernel caricati e configurare il raspi ad utilizzare la giusta uscita audio, infatti di default utilizza la porta HDMI.

Controllo della presenza del modulo snd_bcm2835
1 Per controllare che il modulo giusto sia presente da linea di comando eseguire

sudo lsmod | grep snd_bcm2835

2 Se non vedete alcun output vuol dire che il modulo non è ancora caricato altrimenti potete passare al prossimo paragrafo.
3 Proviamo a caricare  il modulo con il seguente comando da terminale

sudo modprobe snd_bcm2835

Se l'output del comando è una cosa del genere

FATAL: Module snd_bcm2835…