Passa ai contenuti principali

SMART e Error: ICRC, ABRT - problemi al disco fisso

(foto di Matsuyuki)
E' da un pò di giorni che la mia postazione continua a bloccarsi con il led del disco fisso perennemente acceso. Come al solito prima di accanirmi fisicamente sul disco mi sono dato alla ricerca di informazioni.
Tutti i dischi attualmente in commercio dispongono della tecnologia SMART che permette di diagnosticare la presenza di errori del disco fisso che possano portare alla rottura del disco. Ovvio che non è tutto oro quello che luccica, e infatti il sistema ha dei margini di errore: nella voce di Wikipedia si parla di un 60% di probabilità di prevedere rotture rifacendosi ad un documento relativo ai dischi della Seagate e per chi è più interessato anche Google ha pubblicato nel 2007 un interessante documento sulla propria esperienza aziendale con questa tecnologia.
Dal mio punto di vista 60% è sempre meglio che niente, e quindi mi sono procurato gli strumenti per indagare sullo stato di salute del disco. In GNU/Linux il pacchetto che fa al caso nostro è smartmoontools.
In Ubuntu basterà installare il pacchetto da linea di comando con

sudo apt-get install smartmontools

Bene ora non ci resta che dare un'occhio ai comandi che mette a disposizione il pacchetto. Quello che ci interessa, è di vedere nel registro del disco fisso lo stato degli ultimi errori. Il comando è

smartctl -l error /dev/sda1

L'ultimo parametro cambierà a seconda del punto di accesso del vostro disco. per le altre funzionalità di smartctl rimando il lettore al classico man smartctl
Il risultato nel mio caso ha evidenziato svariati errori, ma tutti di questo tipo:
After command completion occurred, registers were:
ER ST SC SN CL CH DH
-- -- -- -- -- -- --
84 51 0f 60 28 50 e9  Error: ICRC, ABRT 15 sectors at LBA
= 0x09502860 = 156248160

Commands leading to the command that caused the error were:
CR FR SC SN CL CH DH DC   Powered_Up_Time  Command/Feature_Name
-- -- -- -- -- -- -- --  ----------------  --------------------
c8 00 00 6f 27 50 e9 00      00:28:08.620  READ DMA
c8 00 60 0f 27 50 e9 00      00:28:08.611  READ DMA
c8 00 a0 5f 1e 50 e9 00      00:28:08.610  READ DMA
c8 00 00 5f 1d 50 e9 00      00:28:08.608  READ DMA
c8 00 00 5f 1c 50 e9 00      00:28:08.606  READ DMA

Bene, questo significa che forse ho delle chance di "salvarmi le pale" delle testine del disco.
A questo indirizzo: http://ata.wiki.kernel.org/index.php/Libata_error_messages#ATA_error_expansion è possibile avere una panoramica della sintassi dei messaggi di errore. Inoltre googlando ho trovato questo post in un forum nel quale sostenevano che l'errore potesse riferirsi al cavo
"That's your drive reporting that it saw transmission error on the wire"!
Ah yeah femo gli ossi sua grea (Herman Medrano dixit). Sostituito il cavo e acceso un cero a Sant'Antonio. Per adesso sembra tutto andare... speriamo bene! Lato positivo: ho imparato qualcosa di nuovo!

Per chi vuole un tool grafico è possibile installare questo pacchetto per GNOME:
GSmartControl

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Riflessioni sull'ordinamento

Gli algoritmi di ordinamento sono da sempre i più gettonati e interessanti dal punto di vista didattico (si veda la complessità computazionale) e funzionale (quasi tutti i programmi hanno almeno una funzione di ricerca). Proprio di questi giorni sono alcuni articoli di Programmazione.it dedicati a questo tema (link).Coding Horror in questo articolo presenta una provocazione molto interessante al di là delle opinioni personali:

The default sort functions in almost every programming language are poorly
suited for human consumption.
L'articolo pone l'attenzione sulla differenza tra l'ordinamento alfanumerico e quello ASCII solitamente usato nei metodi nativi dei linguaggi. Il discorso si ampia se poi pensiamo banalmente alla differenza tra Windows e GNU/Linux che è case sensitive.
Spesso i sistemi operativi e i linguaggi di programmazione realizzano ordinamenti rispettando l'ordine della tabella di codifica ASCII e non l'ordinamento naturale della lingua. I commenti a se…

Timeline dei Linguaggi di programmazione

O'Reilly ha reso disponibile per tutti gli appassionati un interessante poster in formato pdf in cui vengono riassunti 50 anni di storia dei linguaggi di programmazione.Il poster mostra una timeline colorata nella quale sono evidenziate le principali derivazioni tra i vari linguaggi... da vedere
http://www.oreilly.com/news/graphics/prog_lang_poster.pdf



fonte programmazione.it