Passa ai contenuti principali

Note di utilizzo: sudo vs gksu

Leggendo le guide e post nei vari forum e con l'avvento di Ubuntu e della politica del comando sudo mi sono sempre chiesto la reale differenza tra sudo e gksu senza mai dedicarci tempo visto che indistintamente mi è sempre funzionato tutto. Oggi però, mosso da curiosità mi sono dato alla ricerca di informazioni, il bello del modello Open Source è che c'è sempre da imparare e scoprire: non si smette mai di essere dei "novelli".
Nella wiki ufficiale di Ubuntu si legge che:
You should never use normal sudo to start graphical applications as root. You should use gksudo (kdesudo on Kubuntu) to run such programs. gksudo sets HOME=~root, and copies .Xauthority to a tmp directory. This prevents files in your home directory becoming owned by root. (AFAICT, this is all that's special about the environment of the started process with gksudo vs. sudo).
Nota 1: Enviroment
Come l'esperienza mi ha insegnato, non ho mai notato differenza tra l'uso di un comando o l'altro, ma per un insieme discreto di applicazioni può portare dei problemi, questo perchè spesso sudo esegue le applicazioni con privilegi di root mentre continua ad utilizzare i file di configurazione dell'utente chiamante.

Nota 2: Il terminale deve rimanere aperto

Altra nota interessante è che mentre con sudo il terminale deve rimanere aperto per tutto il ciclo di vita dell'applicazione lanciata, con gksudo questo non è necessario, una dialog avverte che c'è un processo in esecuzione ma nonostante il messaggio intimidatorio quet'ultimo non viene terminato.

Nota 3: Può non funzionare
Altre applicazioni grafiche, invece, senza il corretto utilizzo di gksudo non partono proprio.

Best Practice
La best practice è quindi quella di eseguire applicazioni grafiche con gksudo, es:
gksudo gedit /etc/apt/sources.list
mentre per applicazioni testuali sudo, es:
sudo nano /etc/apt/sources.list
Link utili
Avviare applicazioni grafiche con privilegi di amministrazione
RootSudo
GraphicalSudo
https://lists.ubuntu.com/archives/ubuntu-users/2008-April/141624.html

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Dove si trova il mio ISP?

Il link di oggi è My IP Address Lookup. Questo servizio spagnolo mostra dove si trova fisicamente il vostro ISP. Quando vi collegate ad internet in realtà prima fate una richiesta (il vostro modem o router) ad una macchina del vostro ISP e poi vi viene assegnato un indirizzo IP. Se volete sapere dove si trova la macchina che vi permette di accedere alla rete visitate pure
http://www.ip-adress.com/

Potrete inoltre conoscere il vostro IP e il provider che ve lo offre

RaspberryPi: Abilitare l'audio analogico

Introduzione
Il mio raspi è collegato ad una vecchia TV CRT che ho convertito in una smartTV. RaspberryPi infatti è un ottimo prodotto per configurare un media center con connessione ad internet ed altre amenità. Se usate una vecchia TV come nel mio cavo potrebbe interessarvi come abilitare l'uscita analogica per l'audio, il jack da 3,5 mm per intenderci. Per fare ciò dobbiamo assicurarci di avere i moduli giusti del kernel caricati e configurare il raspi ad utilizzare la giusta uscita audio, infatti di default utilizza la porta HDMI.

Controllo della presenza del modulo snd_bcm2835
1 Per controllare che il modulo giusto sia presente da linea di comando eseguire

sudo lsmod | grep snd_bcm2835

2 Se non vedete alcun output vuol dire che il modulo non è ancora caricato altrimenti potete passare al prossimo paragrafo.
3 Proviamo a caricare  il modulo con il seguente comando da terminale

sudo modprobe snd_bcm2835

Se l'output del comando è una cosa del genere

FATAL: Module snd_bcm2835…