Passa ai contenuti principali

Query tool per Linux: CrunchyFrog 0.4.1

Come appassionato di Java è da tempo che utilizzo DataBrowser, un'applicazione ormai matura che sfrutta i driver per Java messi a disposizione dai programmatori di RDBMS per accedere ai diversi tipi di database. L'oggetto del post non è comunque riservato a questo strumento che comunque consiglio ma bensì ad un progetto nato nel 2008, scritto principalmente per GNU\Linux, basato sulla libreria grafica GTK+: CrunchyFrog. In launchpad è presente una pagina del progetto al seguente indirizzo https://launchpad.net/crunchyfrog mentre la pagina principale è ospitata da GoogleCode qui. La documentazione e il manuale sono invece reperibile da http://packages.python.org/crunchyfrog/.
Lo sviluppatore è Andi Albrecht che ha scelto il linguaggio Python (Py-GTK), cosa che potrà rendere CrunchyFrog portabile su altri sistemi operativi in futuro.

Installazione
Il programma è presente come PPA per gli utenti Ubuntu, mentre per le altre distribuzioni rimando alla pagina http://code.google.com/p/crunchyfrog/wiki/PreBuiltBinaries. Per gli ubuntisti quindi è sufficiente aggiungere al file /etc/apt/source.list l'entry https://launchpad.net/~crunchyfrog/+archive/ppa ed installare con il solito apt-get install

Come si presenta
L'interfaccia è spartana e la traduzione italiana non è completa, anzi un invito per gli utenti di launchpad è di dare un contributo.
Alcune caratteristiche interessanti del programma sono la formattazione delle query, il che le rende copiabili in documenti in modo umano e la funzione di autocompletion vera chicca che facilita la vita nella scrittura delle query.
I database supportati sono tra i più utilizzati PostreSQL, MySQL, SQLite, Oracle, SQLServer, Firebird, Informix, MaxDB e i risultati sono esportabili sia in formato CSV che per OpenOffice.org. Navigando tra i menu si nota anche il supporto ai plugin, il che fa ben sperare nello sviluppo di nuove funzionalità e nell'evoluzione del programma.
Devo ammettere che non è facile imparare ad usare un query tool nuovo però il progetto è molto interessante e spero che possa crescere, intanto stiamo alla porta ad osservare e a gradire altri screenshot.

Connettersi ad un database PostGres
Di default il pacchetto installabile fornisce la sola connessione a SQLite, per supportare altri tipi di connessione dalla scheda Provider della dialog Data Sources è possibile vedere quali librerie di python sono necessarie.
Nel mio caso necessito di connettermi a database di tipo PostGres. Per supportarlo ho installato dal terminale il pacchetto python-psycopg2.
sudo apt-get install python-psycopg2
Ora è possibile creare una nuova connessione ad un DB PostGres.

Altri pacchetti utili
connessione a MS SQL Server
sudo apt-get install python-pymssql


Giudizio finale
Il programma come detto anche se ha un anno è ancora nelle prime fasi di sviluppo ma non per questo non è usabile, anzi. Leggendo la roadmap dello sviluppatore e interrogandolo in un issue penso che gli sforzi siano quelli di rendere quanto più possibile stabile il motore interno per poi procedere con nuove funzionalità e amenità grafiche. Non posso dire altro che vale la pena provarlo e se conoscete altri strumenti simili... i commenti sono sempre ben accetti!

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Dove si trova il mio ISP?

Il link di oggi è My IP Address Lookup. Questo servizio spagnolo mostra dove si trova fisicamente il vostro ISP. Quando vi collegate ad internet in realtà prima fate una richiesta (il vostro modem o router) ad una macchina del vostro ISP e poi vi viene assegnato un indirizzo IP. Se volete sapere dove si trova la macchina che vi permette di accedere alla rete visitate pure
http://www.ip-adress.com/

Potrete inoltre conoscere il vostro IP e il provider che ve lo offre

RaspberryPi: Abilitare l'audio analogico

Introduzione
Il mio raspi è collegato ad una vecchia TV CRT che ho convertito in una smartTV. RaspberryPi infatti è un ottimo prodotto per configurare un media center con connessione ad internet ed altre amenità. Se usate una vecchia TV come nel mio cavo potrebbe interessarvi come abilitare l'uscita analogica per l'audio, il jack da 3,5 mm per intenderci. Per fare ciò dobbiamo assicurarci di avere i moduli giusti del kernel caricati e configurare il raspi ad utilizzare la giusta uscita audio, infatti di default utilizza la porta HDMI.

Controllo della presenza del modulo snd_bcm2835
1 Per controllare che il modulo giusto sia presente da linea di comando eseguire

sudo lsmod | grep snd_bcm2835

2 Se non vedete alcun output vuol dire che il modulo non è ancora caricato altrimenti potete passare al prossimo paragrafo.
3 Proviamo a caricare  il modulo con il seguente comando da terminale

sudo modprobe snd_bcm2835

Se l'output del comando è una cosa del genere

FATAL: Module snd_bcm2835…