Passa ai contenuti principali

Ikea Home Planner 10 + Linux = Sweet Home 3D


L'acquisto di una casa porta con sè molti cambiamenti, anche tra i giovani programmatori Padawan ai quali dell'acqua, un tozzo di pane, un fedele portatile e una discreta connesisone ADSL possono bastare per rendere una dimora vivibile.
Vagli tu a spiegare a tua moglie questa necessità di ascetismo binario, vera via che porta alla Forza e ti ritroverai dritto all'IKEA in meno di un secondo!
Così è capitato anche a me, ma non mi sono dato per vinto. A parte la mia innata empatia per le costruzioni come i Lego ho anche constato con piacere che quelle vecchie volpi di svedesi hanno reso disponibile un software per la progettazione da casa del proprio arredamento: IKEA Home Planner. Dalle note si legge che è necessario avere Windows e che MAC non è supportato, poco male vado di WINE.

Installazione con WINE

Bene scarico l'eseguibile e lo installo sulla mia Ubuntu 8.10 con tasto destro Apri con Wine Carica Programmi Windows (...tralasciamo la localizzazione di questa etichetta del menu). Tutto fila liscio a parte le icone sulla Scrivania un pò di troppo, vedasi IKEA Home Planner.lnk, che vado ad eliminare immediatamente. Avvio il planner con
wine .wine/drive_c/Programmi/IKEA\ HomePlanner/IKEA\ Home\ Planner.exe
A prima vista sembra tutto molto bello a parte una piccolissima imperfezione visiva...
Il planner in versione 2D non si vede se non in modalità 3D e molti tasti dell'interfaccia non funzionano particolarmente bene come lo zoom. Altre componenti invece sono sovrapposte e non rispondono.

Ma cosa sta succedendo?
Dal log di wine si leggono inquietanti messaggi del tipo:
err:ole:RegisterDragDrop COM not initialized
Ok non sono ancora diventato cieco, è un bug e il buon portale di wine me lo conferma: bug 15150 "IKEA Home Planner 2D view has an incorrect background and objects are overlapping". Per fortuna che il mondo del free software ha anche valide alternative come descritto in seguito.

Lezione imparata da oggi
Da oggi ho imparato che è sempre meglio farsi un giretto sul bug tracker di WINE per accertarsi che un software funzioni correttamente anche se a prima vista il risultato sembrava dovesse essere migliore, vedi il db delle applicazioni di wine che gli dà un bella medaglia di Bronzo.
Ok IKEA Home Planner 10 non va ma conosciamo più che valide alternative GPL: Sweet Home 3D. Un prodotto scritto in Java molto ricco di funzioni anche se probabilmente meno intuitivo. Ovvio che a dispetto di quello dell'IKEA non ha il listino prezzi ma le librerie degli oggetti sono molto interessanti e il programma, grazie a Java Web Start è eseguibile direttamente dal sito senza installarlo.
Nella sezione di supporto è possibile importare modelli aggiuntivi, in questo caso il programma dovrà essere installato in locale, ma ne vale la pena.
Ultimo ma non ultimo ho imparato che la vecchia carta e penna per poter dar sfogo alla propria creatività da condividere nella folla dell'IKEA non hanno prezzo!
Ah casa dolce casa!

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Riflessioni sull'ordinamento

Gli algoritmi di ordinamento sono da sempre i più gettonati e interessanti dal punto di vista didattico (si veda la complessità computazionale) e funzionale (quasi tutti i programmi hanno almeno una funzione di ricerca). Proprio di questi giorni sono alcuni articoli di Programmazione.it dedicati a questo tema (link).Coding Horror in questo articolo presenta una provocazione molto interessante al di là delle opinioni personali:

The default sort functions in almost every programming language are poorly
suited for human consumption.
L'articolo pone l'attenzione sulla differenza tra l'ordinamento alfanumerico e quello ASCII solitamente usato nei metodi nativi dei linguaggi. Il discorso si ampia se poi pensiamo banalmente alla differenza tra Windows e GNU/Linux che è case sensitive.
Spesso i sistemi operativi e i linguaggi di programmazione realizzano ordinamenti rispettando l'ordine della tabella di codifica ASCII e non l'ordinamento naturale della lingua. I commenti a se…

Timeline dei Linguaggi di programmazione

O'Reilly ha reso disponibile per tutti gli appassionati un interessante poster in formato pdf in cui vengono riassunti 50 anni di storia dei linguaggi di programmazione.Il poster mostra una timeline colorata nella quale sono evidenziate le principali derivazioni tra i vari linguaggi... da vedere
http://www.oreilly.com/news/graphics/prog_lang_poster.pdf



fonte programmazione.it