Passa ai contenuti principali

GNU/Linux + Eclipse + JUnit test in debug mode: Cannot connect to VM

Mi stupisco di come ci sia sempre da imparare lavorando con una macchina Linux-based. Rivedendo gli ultimi post si potrebbe iniziare a pensare che non vada molto a genio alla mia Lenny; a me invece, piace pensare che ciò sia dovuto alla mia inesperienza... non smetterò mai di essere un niubbo!
Dopo le vicissitudini con Samba mi sono ritrovato senza possibilità di eseguire dei back up alle JUnit test in Eclipse per il seguente errore

java.net.SocketException: Socket closed
at java.net.PlainSocketImpl.socketAccept(Native Method)
at java.net.PlainSocketImpl.accept(PlainSocketImpl.java:390)
at java.net.ServerSocket.implAccept(ServerSocket.java:453)
at java.net.ServerSocket.accept(ServerSocket.java:421)
at org.eclipse.jdi.internal.connect.SocketTransportService
.accept(SocketTransportService.java:95)
at org.eclipse.jdi.internal.connect.SocketTransportImpl
.accept(SocketTransportImpl.java:56)
at org.eclipse.jdi.internal.connect.SocketListeningConnectorImpl
.accept(SocketListeningConnectorImpl.java:135)
at org.eclipse.jdt.internal.launching.StandardVMDebugger$ConnectRunnable
.run(StandardVMDebugger.java:107)
at java.lang.Thread.run(Thread.java:619)


Divagazione letteraria
JUnit è un framework java che permette di scrivere test automatici. Una lettura introduttiva sull'argomento si trova in questo articolo dell'IBM. Nell'ambito del processo di Continuos Integration nello sviluppo e mantenimento di un prodotto software la parte di test automatici ha sempre un aspetto importante e ne garantisce una certa qualità, o per lo meno garantisce il controllo sugli impatti di modifiche apparentemente non correlate a certe parti di codice.

Soluzione
Tornando invece al problema contingente di Eclipse, non ho trovato molto a riguardo a meno di questo commento di Oliver nel forum di Oracle (... addio SUN) che si è rivelato essere risolutivo.
Il mio file di configurazione /etc/hosts era incompleto. Infatti mancava l'entry
127.0.0.1 localhost
Solo per appunto il file /etc/hosts mappa la risoluzione di alcuni nomi (come farebbe un DNS) in modo che i programmi che necessitino di questo servizio possano interrogare il file prima del DNS (link). Mancando l'entry precedente il povero Eclipse non potevacreare un socket in localhost non riuscendo a trovare l'indirizzo ip 127.0.0.1

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Dove si trova il mio ISP?

Il link di oggi è My IP Address Lookup. Questo servizio spagnolo mostra dove si trova fisicamente il vostro ISP. Quando vi collegate ad internet in realtà prima fate una richiesta (il vostro modem o router) ad una macchina del vostro ISP e poi vi viene assegnato un indirizzo IP. Se volete sapere dove si trova la macchina che vi permette di accedere alla rete visitate pure
http://www.ip-adress.com/

Potrete inoltre conoscere il vostro IP e il provider che ve lo offre

RaspberryPi: Abilitare l'audio analogico

Introduzione
Il mio raspi è collegato ad una vecchia TV CRT che ho convertito in una smartTV. RaspberryPi infatti è un ottimo prodotto per configurare un media center con connessione ad internet ed altre amenità. Se usate una vecchia TV come nel mio cavo potrebbe interessarvi come abilitare l'uscita analogica per l'audio, il jack da 3,5 mm per intenderci. Per fare ciò dobbiamo assicurarci di avere i moduli giusti del kernel caricati e configurare il raspi ad utilizzare la giusta uscita audio, infatti di default utilizza la porta HDMI.

Controllo della presenza del modulo snd_bcm2835
1 Per controllare che il modulo giusto sia presente da linea di comando eseguire

sudo lsmod | grep snd_bcm2835

2 Se non vedete alcun output vuol dire che il modulo non è ancora caricato altrimenti potete passare al prossimo paragrafo.
3 Proviamo a caricare  il modulo con il seguente comando da terminale

sudo modprobe snd_bcm2835

Se l'output del comando è una cosa del genere

FATAL: Module snd_bcm2835…