Passa ai contenuti principali

Asus eee pc 701 + wake on lan (Ubuntu 10.04)


Esigenza
Possiedo un eee pc 701 con installato una Ubuntu 10.04 LTS per netbook e mi sono sempre trovato molto bene. Ultimamente però ho rilegato il piccolo di casa Asus ad essere utilizzato come server casalingo. L'esigenza era quella di poterlo accendere on-demand con la tecnologia Wake-on-LAN.

Prerequisiti
1a. Un eee pc collegato ad un router via LAN con il cavo... quindi niente wireless!

1b. Installare per comodità sul eee pc il pacchetto ethtools, eventualmente con il classico comando da riga di testo

sudo apt-get install ethtools

oppure dal software center di Ubuntu

2a. Un pc collegato al suddetto router (la modalità è ininfluente)

2b. Installare per comodità sul pc il tool grafico scritto dall'italico Muflone: gWakeOnLan, eventualmente con il classico comando da riga di testo
sudo apt-get install gwakeonlan
oppure dal software center di Ubuntu

Procedimento
Dopo aver installato i pacchetti di prerequisito andiamo a mettere insieme tutti le parti che ci servono.

1. Per prima cosa dobbiamo conoscere il MAC address della scheda del nostro 701 con un bel:

ifconfig | grep HWaddr

da riga di comando. L'output dovrebbe essere più o meno così:

eth0      Link encap:Ethernet  HWaddr 01:23:45:67:89:ab

A noi interessa la stringa che segue a HWaddr e l'interfaccia di rete che nel mio caso è eth0 a inizio output

2. Lavoriamo come root, da riga di comando

sudo -i

3. installare ethtool, se non già installato nel sistema

apt-get install ethtool

controlliamo la configurazione della scheda di rete con questo comando

ethtool eth0

l'output dovrebbe contenere sul fondo queste informazioni

        Supports Wake-on: g
        Wake-on: d

La voce Supports Wake-on specifica i metodi di wake-on supportati dalla scheda di rete: g sta per Wake on MagicPacket™, mentre la d dell'ultima riga sta per la modalità attualmente impostata: d sta per disabled.

4. Ora abbiamo tutto quello che ci serve. Il comando che abilita il wake-on-lan è:

ethtool -s eth0 wol g

per disabilitare

ethtool -s eth0 wol d

Se vogliamo che questa funzionalità rimanga attiva ad ogni avvio dobbiamo crearci un piccolo script da far eseguire al boot. Come utente root creiamo un file di testo nella seguente maniera

cd /etc/init.d/
gedit wakeonlanconfig

Incolliamo nel file il seguente testo sostituendo eventualmente eth0 con l'interfaccia corretta trovata nel punto 1

#!/bin/bash

# Activate WOL on NIC
ethtool -s eth0 wol g
# Allow eth0 to wake up machine

echo enabled > /sys/class/net/eth0/device/power/wakeup
# Configure ACPI
grep `lspci -tv | grep -i ethernet | cut -d- -f2` \
    /proc/acpi/wakeup | cut -d' ' -f1 > /proc/acpi/wakeup

exit

Salvare e uscire da gedit. Infine rendiamo eseguibile lo script e impostiamo l'esecuzione automatica all'avvio con i seguenti comandi

chmod a+x wakeonlanconfig
update-rc.d -f wakeonlanconfig defaults

Dovrebbe comparire un output del genere:

 Adding system startup for /etc/init.d/wakeonlanconfig ...
   /etc/rc0.d/K20wakeonlanconfig -> ../init.d/wakeonlanconfig
   /etc/rc1.d/K20wakeonlanconfig -> ../init.d/wakeonlanconfig
   /etc/rc6.d/K20wakeonlanconfig -> ../init.d/wakeonlanconfig
   /etc/rc2.d/S20wakeonlanconfig -> ../init.d/wakeonlanconfig
   /etc/rc3.d/S20wakeonlanconfig -> ../init.d/wakeonlanconfig
   /etc/rc4.d/S20wakeonlanconfig -> ../init.d/wakeonlanconfig
   /etc/rc5.d/S20wakeonlanconfig -> ../init.d/wakeonlanconfig

Bene ora possiamo eseguire lo script con

/etc/init.d/wakeonlanconfig

5. Ora per fare un test basta spegnere il piccolo eee pc e da un'altra postazione con installato gWakeOnLan andare ad accendere l'eee pc. Per informazioni sull'uso di quest'ultimo rimando al blog dell'autore. (http://ubuntrucchi.wordpress.com/progetti-projects/gwakeonlan/)


Fonti:
http://ubuntuforums.org/showthread.php?t=234588
http://www.ibrado.org/post/366322800
http://ubuntrucchi.wordpress.com/progetti-projects/gwakeonlan/

Immagini:
http://www.flickr.com/photos/loudestnoise/1936095788/

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Riflessioni sull'ordinamento

Gli algoritmi di ordinamento sono da sempre i più gettonati e interessanti dal punto di vista didattico (si veda la complessità computazionale) e funzionale (quasi tutti i programmi hanno almeno una funzione di ricerca). Proprio di questi giorni sono alcuni articoli di Programmazione.it dedicati a questo tema (link).Coding Horror in questo articolo presenta una provocazione molto interessante al di là delle opinioni personali:

The default sort functions in almost every programming language are poorly
suited for human consumption.
L'articolo pone l'attenzione sulla differenza tra l'ordinamento alfanumerico e quello ASCII solitamente usato nei metodi nativi dei linguaggi. Il discorso si ampia se poi pensiamo banalmente alla differenza tra Windows e GNU/Linux che è case sensitive.
Spesso i sistemi operativi e i linguaggi di programmazione realizzano ordinamenti rispettando l'ordine della tabella di codifica ASCII e non l'ordinamento naturale della lingua. I commenti a se…

Timeline dei Linguaggi di programmazione

O'Reilly ha reso disponibile per tutti gli appassionati un interessante poster in formato pdf in cui vengono riassunti 50 anni di storia dei linguaggi di programmazione.Il poster mostra una timeline colorata nella quale sono evidenziate le principali derivazioni tra i vari linguaggi... da vedere
http://www.oreilly.com/news/graphics/prog_lang_poster.pdf



fonte programmazione.it