Passa ai contenuti principali

Lubuntu 12.04 su Eee PC 701 4G


Premessa
Nel post precedente avevo provato ad installare Android 4.0 sul mio Eee PC 701. Il connubio però è durato gran poco, il motivo principale è che l'interfaccia pensata per dispositivi touch screen si adatta poco ad un oggettino come questo. La tastiera ridotta di dimensione e il touchpad più piccolo degli standard rendono difficile l'utilizzo combinato di mouse e tastiera.
Con le distribuzioni GNU\Linux questo disagio è più sopportabile usando massivamente gli shortcut da tastiera. Inoltre il sistema con Android non sempre rispondeva bene e mi dava l'impressione di essere troppo poco fluido nonostante l'ottima occupazione di memoria. Probabilmente andando a giocare sulla compilazione del kernel e dei moduli installati si potrebbe migliorare la sensazione di latenza che si avverte con Android ma sinceramente non ne ho voglia di infilarmi in questa direzione. Ho optato quindi per una soluzione ottimale out of the box con Lubuntu 12.04.
Nel post oltre all'installazione mi sono appuntato delle note che nel tempo ho ritenuto utili seguire per migliorare le prestazioni del piccolo di casa Asus.

Prerequisiti
Per poter installare Lubuntu è necessario disporre di:
  • immagine ISO di Lubuntu disponibile qui
  • una chiavetta USB da almeno 1GB
  • una connessione a Internet.
Creare una chiavetta USB avviabiale
Questa operazione può essere eseguita dal nostro Eee PC oppure da un'altro computer. Consiglio di utilizzare UNetbootin [1]. Una volta avviato il programma basterà selezionare l'immagine ISO desiderata e la chiavetta USB.

Installazione
  1. Avviare il netbook e premere il tasto ESC per entrare nel menu di boot
  2. Selezionare l'avvio da flash drive
  3. Avviare Lubuntu senza installarlo
  4. Avviato il sistema operativo configurare la rete (in caso di difficoltà consiglio la lettura di http://wiki.debian.org/NetworkManager)
  5. Dal tasto menu in basso a sinistra avviare LXTerminal dal gruppo Accessori
  6. Una volta avviato il terminale eseguire il seguente comando che permette di modificare il codice sorgente dello script con i permessi giusti 
    gksu leafpad /usr/lib/ubiquity/ubiquity/misc.py
    
  7. Cercate nello script (CTRL+F) la funzione install_size() e modificate il fattore di controllo dello spazio necessario da 2 a 1.2 per esempio. Dovreste quindi ottenere 
    min_disk_size = size * 1.2
  8. Ora siete pronti per avviare l'installazione senza problemi
Ottimizzazioni post-installazione
Riporto qui alcune ottimizzazioni che si sono rilevate utili nelle installazioni di una distribuzione GNU\Linux su Eee Pc.

Ridurre il controllo di possibile utilizzo dello swap
Nel mio Eee PC ho configurato 500 MB di swap a fronte di 1GB di RAM. In breve la partizione di swap viene utilizzata dal sistema come memoria di appoggio oltre a quella fisica. Consiglio la lettura di [2] per avere un'idea generale di quello che sto scrivendo.
Esiste un parametro: swappiness che controlla la tendenza del kernel di spostare dei processi nell'area di swap. Tale parametro lo imposteremo a 0 per forzare il kernel a non andare nella partizione di swap se non strettamente necessario.
  1. Dal tasto menu in basso a sinistra avviare LXTerminal dal gruppo Accessori
  2. Una volta avviato il terminale eseguire il seguente comando. 
    gksudo leafpad /etc/sysctl.conf
  3. Alla fine del file aggiungere la seguente riga 
    vm.swappiness=0
  4. Salvare e chiudere

Spostare i logs e le cartelle temporanee in RAM
I log e i file temporanei possono essere spostati in RAM per ridurre ulteriormente gli accessi al disco e per non renderli persistenti ad avvii successivi. Per fare ciò andiamo ad agire sul file fstab [3].

  1. Dal tasto menu in basso a sinistra avviare LXTerminal dal gruppo Accessori
  2. Una volta avviato il terminale eseguire il seguente comando. 
    gksudo leafpad /etc/fstab
  3. Alla fine del file aggiungere le seguente rige 
    tmpfs /tmp tmpfs defaults,noatime,mode=1777 0 0
    tmpfs /var/tmp tmpfs defaults,noatime,mode=1777 0 0
    tmpfs /var/log tmpfs defaults,noatime,mode=0755 0 0
    tmpfs /var/log/apt tmpfs defaults,noatime 0 0  
  4. Salvare e chiudere
Mantenere i soli programmi necessari
La mia idea è quella di sfruttare tutti i servizi Google come facevo con Android. Lubuntu come browser di default installa Chromium, la versione open del browser di Google, siamo quindi a cavallo: posso usare Chromium a schermo intero e disinstallare tutto quello che non mi serve. Dal gestore dei pacchetti disinstallare quello che non serve per i propri scopi. Da questo link [4] è possibile avere l'elenco completo dei pacchetti installati.

Programmi da disinstallare consigliati:
gucharmap
lxkeymap
mtpaint
osmo
ace-of-penguins
simple-scan
sylpheed
xfburn
xpad

Programmi da installare consigliati:
VLC

Appendice A: Installare versioni precedenti alla 12.04
Per installare una versione precedente alla 12.04 la procedura è molto simile eccetto per il codice da modificare che si trova nel file /usr/lib/ubiquity/plugins/ubi-prepare.py

Link Utili

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Riflessioni sull'ordinamento

Gli algoritmi di ordinamento sono da sempre i più gettonati e interessanti dal punto di vista didattico (si veda la complessità computazionale) e funzionale (quasi tutti i programmi hanno almeno una funzione di ricerca). Proprio di questi giorni sono alcuni articoli di Programmazione.it dedicati a questo tema (link).Coding Horror in questo articolo presenta una provocazione molto interessante al di là delle opinioni personali:

The default sort functions in almost every programming language are poorly
suited for human consumption.
L'articolo pone l'attenzione sulla differenza tra l'ordinamento alfanumerico e quello ASCII solitamente usato nei metodi nativi dei linguaggi. Il discorso si ampia se poi pensiamo banalmente alla differenza tra Windows e GNU/Linux che è case sensitive.
Spesso i sistemi operativi e i linguaggi di programmazione realizzano ordinamenti rispettando l'ordine della tabella di codifica ASCII e non l'ordinamento naturale della lingua. I commenti a se…

Timeline dei Linguaggi di programmazione

O'Reilly ha reso disponibile per tutti gli appassionati un interessante poster in formato pdf in cui vengono riassunti 50 anni di storia dei linguaggi di programmazione.Il poster mostra una timeline colorata nella quale sono evidenziate le principali derivazioni tra i vari linguaggi... da vedere
http://www.oreilly.com/news/graphics/prog_lang_poster.pdf



fonte programmazione.it