Passa ai contenuti principali

Alternativa ad Evernote per Ubuntu: Zim + Dropbox

Premessa
Evernote è un prodotto di moda ultimamente ma con un pò di fantasia si possono costruire delle valide alternatice, fatte in casa. Lo scopo non è quello di ottenere un clone di Evernote; l'idea di base è quella di avere una wiki personale utilizzabile per raccogliere informazioni e note, sincronizzata tra più macchine GNU\Linux e perchè no anche con dispositivi Android. Per raggiungere questo scopo si possono usare Zim e il servizio di cloud storage, Dropbox.

Cos'è Zim
Zim è un edito di testo utilizzato per raccogliere pagine wiki. Le pagine vengono salvate su file system su cartelle strutturare e in formato testo piano. Zim porta quindi il concetto di wiki lato desktop. L'obiettivo principale è quello di fornire una wiki personale che possa:

  • mantenere un archivio di note
  • prendere note durante riunioni
  • organizzare le cose da fare
  • essere un luogo adatto per salvare bozze di mail e documenti
  • registrare idee di un brainstorming

Le funzionalità di Zim poi sono espandibili mediante il support a plugin. Qui c'è un ottimo video in inglese di ProductiveLinux (le immagini comunque non necessitano di traduzione...) che mostra le funzionalità di Zim ed alcuni tip & tricks interessanti:

Cos'è Dropbox
Dropbox è un servizio di cloud storage per il quale esistono diversi client specifici per i diversi OS tra cui GNU\Linux. Di base Dropbox fornisce 2GB di storage gratuito... non male per il nostro scopo.

Integrazione tra Zim e Dropbox
Come detto prima Zim salva tutta la struttura della wiki in file di testo piani e cartelle per contenere le immagini e allegati. Basta quindi far puntare la cartella delle note di Zim in una cartella che avrete predisposto in Dropbox ed il gioco è fatto.

Pro

  • Integrazione con Ubuntu
  • Basato su file di testo
  • Parte client open source


Contro

  • Zim non è cross-platform
  • Manca l'integrazione con Chrome (se qualcuno ha qualche idea i commenti sono sempre ben accetti)
  • Parte di backend closed source
  • Non c'è un client nativo per Android a meno che non si leggano i file con la sitassi wiki direttamente da Dropbox per Android. La modifica potrebbe essere fatta con un editor per Android come 920 Text editor rilasciato con licenza LGPL


Possibili miglioramenti

  • Al posto di Dropbox se qualcuno ha disposizione un server casalingo si potrebbe usare l'ottimo ownCloud.


Possibile alternativa a Google Keep (parziale)
Con lo stesso approccio si possono integrare Tomboy disponibile a differenza di Zim per GNU\Linux, Mac e Windows.

Pro

  • Integrazione con Ubuntu, Mac, Windows
  • Basato su file di testo
  • Parte client open source


Contro

  • Manca l'integrazione con Chrome (se qualcuno ha qualche idea i commenti sono sempre ben accetti)
  • Parte di backend closed source
  • Il client nativo per Android: Tomdroid è in sola lettura

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Dove si trova il mio ISP?

Il link di oggi è My IP Address Lookup. Questo servizio spagnolo mostra dove si trova fisicamente il vostro ISP. Quando vi collegate ad internet in realtà prima fate una richiesta (il vostro modem o router) ad una macchina del vostro ISP e poi vi viene assegnato un indirizzo IP. Se volete sapere dove si trova la macchina che vi permette di accedere alla rete visitate pure
http://www.ip-adress.com/

Potrete inoltre conoscere il vostro IP e il provider che ve lo offre

RaspberryPi: Abilitare l'audio analogico

Introduzione
Il mio raspi è collegato ad una vecchia TV CRT che ho convertito in una smartTV. RaspberryPi infatti è un ottimo prodotto per configurare un media center con connessione ad internet ed altre amenità. Se usate una vecchia TV come nel mio cavo potrebbe interessarvi come abilitare l'uscita analogica per l'audio, il jack da 3,5 mm per intenderci. Per fare ciò dobbiamo assicurarci di avere i moduli giusti del kernel caricati e configurare il raspi ad utilizzare la giusta uscita audio, infatti di default utilizza la porta HDMI.

Controllo della presenza del modulo snd_bcm2835
1 Per controllare che il modulo giusto sia presente da linea di comando eseguire

sudo lsmod | grep snd_bcm2835

2 Se non vedete alcun output vuol dire che il modulo non è ancora caricato altrimenti potete passare al prossimo paragrafo.
3 Proviamo a caricare  il modulo con il seguente comando da terminale

sudo modprobe snd_bcm2835

Se l'output del comando è una cosa del genere

FATAL: Module snd_bcm2835…