Passa ai contenuti principali

Greentone Development - 1: Installare Java + Checkout da SVN

In questo post parleremo di come installare una JDK Java su una macchina GNU\Linux e inizieremo a preparare l'ambiente di sviluppo con il checkout del progetto dal repository SVN di Google Code.

Installazione di una JDK
Greentone supporta Java dalla versione 1.6 e successive. Questo permette quindi di istallare Java o dai repository ufficiali di Ubuntu, oppure cosa che preferisco in una cartella qualunque del proprio sistema. Per questa guida seguirò la seconda strada per due semplici motivi:
  1. il sistema rimane pulito dall'installazione del pacchetto
  2. posso far convivere tutte le versioni di Java che voglio

Per sviluppare necessitiamo di una JDK e non della sola JRE, quindi andiamo sul sito della Oracle, link e   scaricate la versione per la piattaforma che state utilizzando x86 o x64, ovviamente la versione con estensione .bin. Una volta scaricato il pacchetto lo potrete per esempio copiare nella cartella di sistema /opt. Perchè /opt? Perchè secondo le direttive FHS di Linux sarebbe il candidato migliore. La cartella opt infatti (vedi anche qui) è riservata per software che non fanno parte dell'installazione di default della distribuzione, in realtà tutte le applicazioni di terze parti andrebbero qui ma spesso le distribuzioni violano questo standard.
Nel nostro caso quindi da riga di comando vi posizionate nella cartella dove avete scaricato il .bin, per esempio jdk-6u45-linux-i586.bin e lo copiate in /opt

cd ~/Scaricati 
sudo mv jdk-6u45-linux-i586.bin /opt 
cd /opt 
sudo sh jdk-6u45-linux-i586.bin 
sudo rm jdk-6u45-linux-i586.bin

Bene ora avrete una JDK pronta nel vostro sistema. Come vedete con questa procedura Ubuntu non ha conoscenza dell'esistenza di questa versione di Java che si limita ad essere una cartella in /opt. Se invece voleste integrare questa versione nel vostro sistema vi suggerisco di leggere qualcosa sul comando update-alternatives (qui e qui)

Preparazione filesystem
Siamo pronti per organizzare il filesystem che ospiterà il progetto. Il mio consiglio è quello di avere una cartella di progetto nella quale fare in checkout ed un'altra separata per il workspace di Eclipse. Vediamo un esempio pratico con dei comandi da terminale:

mkdir ~/greentone
mkdir ~/greentone/svn
mkdir ~/greentone/workspace

Installazione SVN
Adesso scaricheremo gli ultimi sorgenti del progetto. Ubuntu nella versione 13.04 mette già a disposizione il pacchetto subversion (versione 1.7.x) per il client SVN da utilizzare. Basterà allora da linea di comando eseguire:

sudo apt-get install subversion

Checkout di Greentone
Per scaricare i sorgenti basterà una volta installato il pacchetto eseguire il comando

svn checkout http://greentone.googlecode.com/svn/trunk/ ~/greentone/svn

Conclusione
Abbiamo visto come installare i primi strumenti di sviluppo. Nel prossimo post installeremo un'IDE con i plugin necessari e configureremo il progetto Greentone.

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Riflessioni sull'ordinamento

Gli algoritmi di ordinamento sono da sempre i più gettonati e interessanti dal punto di vista didattico (si veda la complessità computazionale) e funzionale (quasi tutti i programmi hanno almeno una funzione di ricerca). Proprio di questi giorni sono alcuni articoli di Programmazione.it dedicati a questo tema (link).Coding Horror in questo articolo presenta una provocazione molto interessante al di là delle opinioni personali:

The default sort functions in almost every programming language are poorly
suited for human consumption.
L'articolo pone l'attenzione sulla differenza tra l'ordinamento alfanumerico e quello ASCII solitamente usato nei metodi nativi dei linguaggi. Il discorso si ampia se poi pensiamo banalmente alla differenza tra Windows e GNU/Linux che è case sensitive.
Spesso i sistemi operativi e i linguaggi di programmazione realizzano ordinamenti rispettando l'ordine della tabella di codifica ASCII e non l'ordinamento naturale della lingua. I commenti a se…

Timeline dei Linguaggi di programmazione

O'Reilly ha reso disponibile per tutti gli appassionati un interessante poster in formato pdf in cui vengono riassunti 50 anni di storia dei linguaggi di programmazione.Il poster mostra una timeline colorata nella quale sono evidenziate le principali derivazioni tra i vari linguaggi... da vedere
http://www.oreilly.com/news/graphics/prog_lang_poster.pdf



fonte programmazione.it