Passa ai contenuti principali

Greentone Development - 4: Roadmap

In questo post dopo avervi illustrato come poter contribuire a Greentone volevo condividere con voi alcune considerazioni sulla roadmap che vorrei sviluppare. Greentone è un'applicazione con poche funzionalità e l'idea di fondo è proprio quella di mantenerlo semplice ed essenziale. D'altra parte ci sono delle funzioni che ci si aspetta e che non sono ancora presenti: prima tra tutte è la reportistica, e a seguire in ordine sparso la multi utenza, l'integrazione con piattaforme cloud e ovviamente miglioramenti che nascono dall'uso quotidiano del prodotto e dal feed back degli utenti.
Ci sono poi alcune considerazioni tecniche sulle librerie da usare e pratiche tra le quali la piattaforma di hosting più appropriata, la manualistica e tutto l'ecosistema che deve esserci attorno ad un progetto open source affinché questo rimanga vivo e manutenuto.

Reportistica
Ogni gestionale, ha il suo punto di forza sulla reportistica, intesa come la capacità di produrre informazioni utili dai dati a disposizione. Anche Greentone vorrebbe andare in questa direzione, per esempio con i dati salvati si potrebbero sviluppare un sistema di fatturazione o dei rapportini di dettaglio per incarico, nonchè semplici carte intestate da stampare.
Tra le librerie a disposizione mi sono soffermato su Jasper Report che viene corredato con un designer esterno iReport. Il designer permetterebbe a chiunque di produrre dei documenti e condividerli con la comunità.

Manuale in asciidoc
L'attuale manuale è gestito e condiviso attraverso un documento in Google Drive. Questo ha degli evidenti limiti per quanto riguarda il versioning oltre al fatto che commenti e patch non possano essere inviate con facilità. Uno dei progetti che mi incuriosiscono di più in questo ultimo periodo e che vanno nella direzione dei SCM come SVN è AsciiDoc e l'integrazione con Gradle asciidoctor-gradle-plugin. L'idea di fondo è quella di produrre della documentazione a partire da file di testo piano con sintassi wiki-like. Questo permette di farci sopra dei diff e di salvare il manuale nel repository SVN.

Migrare a GitHub o SourceForge
Come tutti saprete Google Code ha dichiarato fine alla sezione download, causa troppe violazioni dei termini di utilizzo, e così ognuno dovrà farsi carico con l'utilizzo del proprio account Drive. Questa mossa mi sembra controproducente e da quello che vedo sta dichiarando una migrazione di massa dei progetti verso altre piattaforme quali github e sourceforge. Ora ho un account  disponibile per tutte e due le piattaforme e sono veramente indeciso sulla scelta. Da una parte avrei il supporto a svn mentre dall'altra potrei fare esperienza su un SCM diverso. Consigli?

Multiutenza
Questo è un argomento molto ampio che presuppone l'utilizzo di Greentone in studi professionali con più di un professionista o dipendente. Non ho ancora evidenza chiara dell'utilizzo del programma nè tanto meno in che ambienti venga utilizzato però l'idea sarebbe quella di passare da un dbms embedded in uno server e a quel punto usare greentone come un client. Il db poi rimarebbe a disposizione per altri client e quindi sarebbe fattibile costruirci intorno un client in PHP o altro che giri su browser.

Conslusione
Ringrazio tutti quelli che hanno contribuito e che lo vorranno fare in futuro. Ringrazio le persone che mi hanno ringraziato con delle mail o che semplicemente si sono interessati al progetto.
Grazie

Giuseppe

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Dove si trova il mio ISP?

Il link di oggi è My IP Address Lookup. Questo servizio spagnolo mostra dove si trova fisicamente il vostro ISP. Quando vi collegate ad internet in realtà prima fate una richiesta (il vostro modem o router) ad una macchina del vostro ISP e poi vi viene assegnato un indirizzo IP. Se volete sapere dove si trova la macchina che vi permette di accedere alla rete visitate pure
http://www.ip-adress.com/

Potrete inoltre conoscere il vostro IP e il provider che ve lo offre

RaspberryPi: Abilitare l'audio analogico

Introduzione
Il mio raspi è collegato ad una vecchia TV CRT che ho convertito in una smartTV. RaspberryPi infatti è un ottimo prodotto per configurare un media center con connessione ad internet ed altre amenità. Se usate una vecchia TV come nel mio cavo potrebbe interessarvi come abilitare l'uscita analogica per l'audio, il jack da 3,5 mm per intenderci. Per fare ciò dobbiamo assicurarci di avere i moduli giusti del kernel caricati e configurare il raspi ad utilizzare la giusta uscita audio, infatti di default utilizza la porta HDMI.

Controllo della presenza del modulo snd_bcm2835
1 Per controllare che il modulo giusto sia presente da linea di comando eseguire

sudo lsmod | grep snd_bcm2835

2 Se non vedete alcun output vuol dire che il modulo non è ancora caricato altrimenti potete passare al prossimo paragrafo.
3 Proviamo a caricare  il modulo con il seguente comando da terminale

sudo modprobe snd_bcm2835

Se l'output del comando è una cosa del genere

FATAL: Module snd_bcm2835…