Passa ai contenuti principali

Groovy CliBuilder: valori multipli per singolo argomento

Premessa
Sono stato coinvolto ultimamente in un piccolo progetto scritto in groovy e per la prima volta ho potuto provare i vantaggi della classe CliBuilder di Groovy, un builder che si basa sulla libreria di Apache commons-cli. Spesso ci capita di scrivere delle piccole applicazioni al volo e per necessità di tempo evitiamo di scrivere la parte front-end sin da subito.
Per provare la bontà della logica scritta si può pensare di sfruttare la cara e vecchia linea di comando. Ecco che Groovy mette a disposizione un builder per poter scrivere in modo agile un'interfaccia utente da linea di comando.
In questo articolo non tratterò tutti i casi di utilizzo di CliBuilder anche perché è ben documentato in rete, bensì parlerò del caso specifico di valori multipli per singolo argomento.

Vantaggi di CliBuilder

  1. Non ci dobbiamo preoccupare noi del parsing di String[] args del metodo main della nostra classe di avvio
  2. La mappatura dei flag delle opzioni avviene per configurazione in maniera chiara e leggibile
  3. Viene generato in maniera automatica l'output dell'helper
  4. Gestisce anche l'inserimento di valori multipli per lo stesso argomento  

Caso particolare: Valori multipli per un'opzione
Mettiamo per esempio di voler ricevere in ingresso un elenco di stringhe, per esempio un elenco di nomi di città e che vogliamo impostarlo per l'argomento -c o --cities. Vediamo con un esempio pratico come gestire i valori multipli.

import org.apache.commons.cli.Option

import org.apache.commons.cli.Option


class CliBuilderTest {

 public static void main(String[] args) {

  def params = [
   '-c',
   'Padova,Torino,Milano'
  ]
  args = params.toArray(new String[params.size()])

  def cli = new groovy.util.CliBuilder(usage: 'CliBuilderTest')
  cli.with {
   'c' (longOpt: 'cities', 'Names of cities', args: Option.UNLIMITED_VALUES, valueSeparator: ',')
  }
  
  OptionAccessor options = cli.parse(args)
  def cities = options.cs // Aggiungi un 's' al termine del shortName dell'argomento contenente i valori
  if(cities){
   cities.each{city->
    println city
   }
  }
 }

}

Considerazioni
L'uso di valori multipli può essere estremamente utile. Per rendere un argomento capace di ricevere multi valori è necessario configurarlo con Option.UNLIMITED_VALUES, inoltre è possibile specificare un separatore con il parametro valueSeparator.
Nella fase di processing invece basta appendere al nome in formato corto (nel nostro caso 'c') una 's'. A questo punto basta ciclare sui valori e applicare la logica voluta.

Nota per applicazioni costruite con Gradle
Per chi utilizza gradle come sistema di build va ricordato che va aggiunta la dipendenza in compile time di commons-cli di Apache.

compile 'commons-cli:commons-cli:1.2'

Links
http://groovy.codehaus.org/gapi/groovy/util/CliBuilder.html
http://commons.apache.org/proper/commons-cli/

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Dove si trova il mio ISP?

Il link di oggi è My IP Address Lookup. Questo servizio spagnolo mostra dove si trova fisicamente il vostro ISP. Quando vi collegate ad internet in realtà prima fate una richiesta (il vostro modem o router) ad una macchina del vostro ISP e poi vi viene assegnato un indirizzo IP. Se volete sapere dove si trova la macchina che vi permette di accedere alla rete visitate pure
http://www.ip-adress.com/

Potrete inoltre conoscere il vostro IP e il provider che ve lo offre

RaspberryPi: Abilitare l'audio analogico

Introduzione
Il mio raspi è collegato ad una vecchia TV CRT che ho convertito in una smartTV. RaspberryPi infatti è un ottimo prodotto per configurare un media center con connessione ad internet ed altre amenità. Se usate una vecchia TV come nel mio cavo potrebbe interessarvi come abilitare l'uscita analogica per l'audio, il jack da 3,5 mm per intenderci. Per fare ciò dobbiamo assicurarci di avere i moduli giusti del kernel caricati e configurare il raspi ad utilizzare la giusta uscita audio, infatti di default utilizza la porta HDMI.

Controllo della presenza del modulo snd_bcm2835
1 Per controllare che il modulo giusto sia presente da linea di comando eseguire

sudo lsmod | grep snd_bcm2835

2 Se non vedete alcun output vuol dire che il modulo non è ancora caricato altrimenti potete passare al prossimo paragrafo.
3 Proviamo a caricare  il modulo con il seguente comando da terminale

sudo modprobe snd_bcm2835

Se l'output del comando è una cosa del genere

FATAL: Module snd_bcm2835…