Passa ai contenuti principali

RaspberryPi: Controllare il desktop da remoto con VNC


Premessa
A volte può essere utile avere l'accesso da remoto ad un desktop grafico sul nostro raspberrypi. Il metodo più diffuso è quello di installare un server VNC e collegarsi poi con un client da un altro computer. Per il raspberrypi possiamo scegliere tra due strade a seconda dell'utilizzo che se ne vuole fare:

  1. Installare TightVNC Server: crea una sessione diversa per ogni connessione non cifrata
  2. Installare x11vnc: permette di comandare il desktop dell'utente corrente sul raspberrypi

Tra i due metodi ho preferito il secondo visto che il mio raspi è collegato direttamente ad un televisore CRT. In questo modo posso navigare in internet su schermo grande direttamente dal tablet comodamente seduto sul divano. Unica nota negativa è che questo meccanismo non funziona per pilotare XBMC, per il quale è meglio utilizzare il client per android per esempio.

Installare TightVNC Server
1. Da linea di comando eseguire
sudo apt-get install tightvncserver
2. Avviare il server con il comando
tightvncserver
e quindi
vncserver :0 -geometry 1920x1080 -depth 24
in questo modo abbiamo creato un server sulla porta 5900 in full HD
3. Se preferite potete scrivere un piccolo script per avviare il server ad ogni avvio con il comando
nano svnc.sh
e copiare il contenuto

#!/bin/sh
vncserver :0 -geometry 1920x1080 -depth 24 -dpi 96
rendiamo lo script eseguibile con il comando
chmod +x svnc.sh
4. Ora potete usare lo script per avviare il server.

Installare x11vnc
1 Se l'idea è quella di visualizzare il desktop corrente del vostro raspberrypi allora è consigliabile usare x11vnc. Per installarlo eseguire
sudo apt-get install x11vnc
e se volete impostare una passowrd per l'accesso
x11vnc -storepasswd
2 Eseguire il server x11vnc con il comando
x11vnc -forever -display :0
Dovreste vedere il vosto indirizzo ip locale sul quael connettersi da remoto
3 Ora potete come prima scrivere uno script per rendere la cosa più semplice al prossimo riavvio con il comando
nano startVnc.sh
e copiare il contenuto

#! /bin/sh
x11vnc -forever -display :0
rendiamo lo script eseguibile con il comando
chmod +x startVnc.sh
4 Possiamo rendere automatico l'avvio del server alla login dell'utente corrente andando ad aggiungere uno script nella cartella /etc/xdg/autostart. Eseguiamo i seguenti comandi
cd /etc/xdg/autostart
sudo nano x11vnc.desktop
ed incollare il seguente contenuto
[Desktop Entry]
Name=VNC Autostart
Exec=/home/pi/startVnc.sh
Type=Application
Terminal=true
5 Salvare e provare con un client a connettersi. L'indirizzo è quello de

Links
http://elinux.org/RPi_VNC_Server

Post popolari in questo blog

Se excel non aggiorna le formule

Oggi in ufficio è capitata una richiesta particolare. In un documento excel dopo aver eseguito un copia-incolla di una formula non si aggiornavano i risultati nelle celle interessate. Dopo attimi di perplessità dal fondo dell'ufficio il capo ci illumina con una funzione ai più sconosciuta e che ha risolto il problema: il tasto F9. Scusate la mia ignoranza in excel ma questo blog è pensato proprio per appuntare esperienze di vita informatica. Tutto sta nel fatto che i "calcolatori d'un tempo" non disponevano di una adeguata potenza di calcolo e nelle operazioni di copia-incolla si verificavano lunghe attese per l'aggiornamento. La soluzione adottata da MS è stata quella di inserire un'opzione per impedire l'aggiornamento automatico e forzarlo con una combinazione di tasti... il tasto F9!
Combinazioni utili per il calcolo delle formule F9 = calcola le formule modificate dall'ultimo calcolo in tutte le cartelle e fogli di lavoro aperte. MAIUSC + F9 = c…

Riflessioni sull'ordinamento

Gli algoritmi di ordinamento sono da sempre i più gettonati e interessanti dal punto di vista didattico (si veda la complessità computazionale) e funzionale (quasi tutti i programmi hanno almeno una funzione di ricerca). Proprio di questi giorni sono alcuni articoli di Programmazione.it dedicati a questo tema (link).Coding Horror in questo articolo presenta una provocazione molto interessante al di là delle opinioni personali:

The default sort functions in almost every programming language are poorly
suited for human consumption.
L'articolo pone l'attenzione sulla differenza tra l'ordinamento alfanumerico e quello ASCII solitamente usato nei metodi nativi dei linguaggi. Il discorso si ampia se poi pensiamo banalmente alla differenza tra Windows e GNU/Linux che è case sensitive.
Spesso i sistemi operativi e i linguaggi di programmazione realizzano ordinamenti rispettando l'ordine della tabella di codifica ASCII e non l'ordinamento naturale della lingua. I commenti a se…

Timeline dei Linguaggi di programmazione

O'Reilly ha reso disponibile per tutti gli appassionati un interessante poster in formato pdf in cui vengono riassunti 50 anni di storia dei linguaggi di programmazione.Il poster mostra una timeline colorata nella quale sono evidenziate le principali derivazioni tra i vari linguaggi... da vedere
http://www.oreilly.com/news/graphics/prog_lang_poster.pdf



fonte programmazione.it